CONSOB VIETA LE VENDITE ALLO SCOPERTO SU TUTTO IL LISTINO DI BORSA. ADOTTATO UN REGIME DI TRASPARENZA RAFFORZATA SULLE PARTECIPAZIONI NELLE QUOTATE. I PROVVEDIMENTI IN VIGORE DAL 18 MARZO PER TRE MESI

CONSOB VIETA LE VENDITE ALLO SCOPERTO SU TUTTO IL LISTINO DI BORSA ITALIANA S.p.A. I PROVVEDIMENTI IN VIGORE DAL 18 MARZO PER TRE MESI. VIENE INOLTRE ADOTTATO UN REGIME DI TRASPARENZA RAFFORZATA SULLE PARTECIPAZIONI NELLE QUOTATE.

La delibera ha effetto sulle 48 società quotate al mercato telematico azionario di Borsa Italiana, indicate nell'elenco allegato al provvedimento Consob (si veda giù) e individuate secondo una griglia di criteri che fa riferimento ad una capitalizzazione superiore ai 500 milioni di euro e agli assetti proprietari.

La delibera stabilisce il divieto di assumere o incrementare posizioni nette corte, sulle azioni di tali società, incluse le posizioni assunte in ambito infragiornaliero.

Le operazioni da considerare nel calcolo delle posizioni nette corte ai fini del divieto sono, inter alia, (a) acquisto o vendita di azioni, e (b) transazioni in opzioni, swaps, futures, contracts for difference, covered warrants, certificates aventi tali azioni come sottostante.

Il divieto si applica:

  • a chiunque, persona fisica o giuridica, residente in Italia o in Paesi esteri, anche al di fuori dell'Unione Europea
  • indipendentemente da dove viene eseguita l’operazione (cioè su mercato regolamentato, MTF, o over-the-counter ("OTC"));

Il divieto non si applica:

  • alle negoziazioni di strumenti finanziari su indici finanziari, in cui sono incluse le azioni indicate nell'allegato 1 alla delibera, purché tali azioni non rappresentino più del 20% del peso dell'indice,
  • ad operazioni effettuate con esclusiva finalità di copertura, di cui agli art 5 e art 6 della Delibera.


  • NUOVE SOGLIE PER LE QUALI VIGE L’OBBLIGO DI COMUNICAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI DETENUTE DAGLI INVESTITORI NELLE SOCIETA’ ITALIANE QUOTATE IN BORSA A PIU’ ALTA CAPITALIZZAZIONE E AD AZIONARIATO DIFFUSO
    delibera n. 21304 del 17 marzo 2020

FAQ in Italiano


FAQ in Inglese

Data pubblicazione: 
18.03.2020
Tipo notizia: 
News